Tormentònami l’ anima

Era già l’ ora che volge al desio, in Brianza, città natale di Achille Ratti, meglio noto come Pio XI, detto il Papa Alpinista, non si sa se per il nitore intellettuale tipico degli scalatori di vette, vedi alla voce: Reinhold Messner, o in ricordo delle massiccie dosi di grappa che sottesero alla firma dei Patti Lateranensi, ché qualcuno doveva essere ubriaco, sicuramente.
Ma davvero non trovate irritante la disinvoltura con cui riesco a mettere in fila principale e subordinate all’ insegna della cazzata gratuita?
Insomma, era un modo per dire che vi concedo qualche settimana di tregua da me, anche perché l’ assenza è il requisito per meglio pregustare il piacere, metticaso le pecore: belle care buone e tutto quello che vuoi ma a una data ora tu a casa tua io a casa mia e ci rivediamo domani.
Se fossi un bravo blogger ora vi direi che per la prossima stagione ci adatteremo alle nuove piattaforme social o di clouding e amplieremo lo spettro degli argomenti e invece ciccia, sempre la solita solfa: voi venite qui, io vi faccio balenare la prospettiva di uno spogliarello per poi menare il can per l’ aia lasciandovi quel senso di insoddisfazione che vi indurrà a tornare.
Non è che fumo sigarette da più di vent’ anni senza aver capito il trucco, vi pare?
Appuntamento a settembre sulle note di una mia opera minore che vi accompagni in quel prolasso dell’ intelletto che gli operatori turistici chiamano vacanze ( contiene estratti da: the Crusaders, Quincy Jones, Chic, LouX, il reverendo Farrakhan, le cicale del campo dietro casa, mia cugina Loredana ).
E ‘ntenerisce il core.

Posted in Miscellanea | Comments Off